‘Un Francobollo per la Giornata Internazionale contro la Violenza sulle Donne’

E’ stato emesso, dal Ministero dello Sviluppo Economico, un francobollo ordinario appartenente alla serie tematica “IL SENSO CIVICO”, dedicato alla lotta contro la violenza sulle Donne, il primo della sua serie.

Mirtha Racelis Mella

Una proposta realizzata dalla Presidente di ProMueve RD Mirtha Racelis Mella, la quale prosegue;

“È un’ onore presentare l’emissione del primo francobollo in Italia, dedicato alla Lotta contro la Violenza sulle Donne”, appartenente alla serie tematica ordinaria “il Senso civico”.

La ricorrenza – spiega nel bollettino illustrativo la Dott.ssa Mella – ricorda l’uccisione, avvenuta il 25 novembre 1960 delle tre sorelle, Patria – Minerva e Maria Teresa Mirabal, con il nome di battaglia “Las Mariposas” (“Le Farfalle”), che nella Repubblica Dominicana si opponevano alla tirannia durata oltre trent’anni del dittatore Rafael Leonidas Trujillo.

Sono diventate delle eroine, perché con il loro coraggio, indipendenza e personalità fuori dal tempo, cambiarono la storia del proprio Paese dicendo «No» al lungo e sanguinoso regime . Il loro brutale assassinio risvegliò le coscienze e l’indignazione popolare accelerando la fine della dittatura. Resistenza, liberazione e rivoluzione, hanno segnato fino all’ultimo istante le loro vite.

La Presidente evidenzia sempre nel bollettino “le donne che siano mogli, madri, sorelle, insegnanti, imprenditrici, lavoratrici”, trasmettono cultura e contribuiscono allo sviluppo della società, essendone oggi parte integrante e fondamentale. Ma nonostante questo, ancora troppo spesso non sono considerate, ma addirittura maltrattate e assassinate. Il messaggio principale quindi, sarebbe quello di diffondere consapevolezza, partendo dalla storia delle sorelle Mirabal. Stimolando le coscienze affinché le donne vengano protette, non solo dalla violenza fisica, ma anche da qualsiasi tipo di repressione, non di meno quella psicologica.

Perché attraverso un francobollo?

Francobolli, detti anche “finestre dello Stato”, “ritratti della nazione” o “ambasciatori di cartapesta”; oltre a costituire un segno rappresentativo di pagamento per il servizio postale, sono anche un mass media per la propaganda sociale, politica e culturale di ogni paese. Il fatto di emettere un francobollo di un tema specifico, facendolo coincidere con la celebrazione di un evento di protesta globale come questo, rafforza l’effetto del francobollo e pone lo Stato di emissione in una situazione di impegno e coinvolgimento a favore della causa in questione.

I Governi e i loro cittadini generalmente lo usano per la sua grande portata, per promuovere o attirare l’attenzione della popolazione su eventi che considerano di interesse nazionale, in questo caso anche attraversando i confini spaziali in modo semplice e veloce. I francobolli, come fonte di informazione hanno uno stile unico, differenziato da altri supporti stampati, poiché utilizzano un testo breve, grafica colorata e simboli specifici in una superficie molto limitata a causa delle loro dimensioni ridotte.

In tutto il mondo, le amministrazioni postali dei Servizi Postali, utilizzano frequentemente il tema della violenza contro le donne nelle diverse campagne condotte per la loro prevenzione o eradicazione, soprattutto nei paesi Europei e Americani.

Cosa rappresenta il disegno del francobollo?

I paesi variano e adattano i motivi dei francobolli a seconda della cultura, della religione e dell’epoca di emissione. La vignetta realizzata dalla bozzettista italiana Tiziana Trinca, raffigura un murale su cui sono disegnate le silhouette di donne alle quali una bambina colora le scarpe di rosso.

Le tre sorelle Mirabal rappresentano il simbolo di questa ricorrenza e di tutte le donne vittime di femminicidio, che subiscono ogni tipo di violenza e discriminazione da parte dei loro aggressori. La Bambina che indossa una maglietta a fiori, ci guarda sorridendo, volendo rappresentare le future generazioni e la speranza, la rinascita di una società libera dalla violenza, una grande opportunità sia per gli uomini che per le donne. Completano il francobollo la leggenda “LOTTA ALLA VIOLENZA SULLE DONNE”, un messaggio semplice, diretto e chiaro.

Quali aspetti ritraggono i francobolli esistenti attualmente dedicati a questo tema?

È noto che il tipo di violenza, varia da una regione all’altra ed è legato a fattori culturali, religiosi ed economici. Nei francobolli che affrontano la violenza contro le donne, ci sono immagini che riflettono le varie forme di aggressione; femminicidio, abuso fisico, violenza, schiavitù sessuale, tratta di donne e ragazze, mutilazioni genitali e matrimoni precoci, ecc. Le leggende su questi francobolli sono ricche di raccomandazioni che perseguono lo sradicamento della violenza. In più ne promuovono l’eliminazione con messaggi di forte impatto, sensibilizzando la popolazione sulla gravità del problema, insistendo sull’importanza dell’educazione.

Qual’è la percentuale di emissione di un francobollo dedicato a questa tematica nel mondo?

La violenza contro le donne non è limitata a una cultura, regione, paese o classe sociale. La rappresentazione della violenza di genere nella filatelia è presente in un gran numero di paesi, soprattutto in Europa e in America.

Tra gli anni 1985 e 2017 sono stati emessi 126 francobolli, con la seguente distribuzione geografica: Europa: 40 francobolli; Nord e Centro America: 25 francobolli; Sud America: 28 francobolli; Africa: 19 valori; Asia: 11 francobolli; Oceania: 3 francobolli. Da questi dati si evince che America ed Europa sono i continenti con la più alta emissione di francobolli legati alla violenza sulle donne, rispettivamente con il 42% (53) e il 32% (40). Il 91% della produzione di francobolli è stata realizzata negli ultimi 17 anni, essendo gli anni 2010, con 23 francobolli e 2015 con 15 francobolli . I Paesi con la maggiore emissione sono stati: Francia: 13 francobolli; Paraguay: 7 francobolli; e Repubblica Dominicana: 6 valori.

Dove si può trovare il francobollo e i prodotti correlati in Italia?

Il francobollo ed i prodotti filatelici correlati; cartoline, tessere e bollettini illustrativi, possono essere acquistati presso gli Uffici Postali con sportello filatelico, nello “Spazio Filatelia” di Firenze, Genova, Milano, Napoli, Roma, Roma 1, Torino, Trieste, Venezia, Verona e sul sito poste.it.

Quali altri strumenti di comunicazione si possono utilizzare per la sensibilizzazione del tema?

La grande complessità della violenza di genere, le sue diverse origini e sviluppi, rendono difficile trovare il messaggio preciso e gli strumenti di comunicazione, per raggiungere la massima diffusione attraverso l’uso di campagne, appunto , di sensibilizzazione.

ProMueve RD, oltre alla Filatelia, utilizza altri strumenti di sensibilizzazione, quali la proposta di convegni, mostre, comunicazione media attraverso i social, articoli web, video, cinema e letteratura. Ogni azione mirata all’eradicazione di questa piaga sociale sarà ben spesa. Come promulgato dalle Nazioni Unite e dalla Dichiarazione Universale dei Diritti Umani, gli stati hanno l’obbligo di promuovere e proteggere i diritti e le libertà fondamentali, oltre a mantenere l’impegno per raggiungere l’uguaglianza tra i sessi. Allo stesso modo ritengo, che ogni cittadino, Associazione e organizzazione internazionale debba impegnarsi per eliminare completamente questo problema sociale e insistere sull’importanza dell’educazione e della creazione di meccanismi di protezione che contribuiscano a prevenire ogni forma di violenza e discriminazione contro le donne.

Fuentes: musas, vol. 2, núm. 2 (2017): 3 – 27. ISSN 2385-7005. DOI: 10.1344/musas2017.vol2.num2.1, catálogo filatélico Yvert et Tellier.

Leggere anche:

Emissione di un francobollo ordinario appartenente alla serie tematica “il Senso Civico” dedicato alla lotta alla violenza sulle donne.

308 commenti su “‘Un Francobollo per la Giornata Internazionale contro la Violenza sulle Donne’”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna su